Nuovo Centro Nazionale di Nuoto

tipologia: concorso di progettazione
progettisti: Alessandro Benedetto, Alfonso De Leonardis
Antonella Milano, Marco Rizzetto, Ioulitta Stavridi
consulenze: Amstein+Walthert AG, Büro Thomas Boyle + Partner AG

 

Tenero Contra | Svizzera | 2017 

E se non ci fosse un tetto, non ci fossero pareti e si nuotasse tra le montagne?
La proposta per il nuovo Centro Nazionale di Nuoto a Tenero-Contra, nel Canton Ticino, rielabora il tema della relazione tra interno ed esterno prendendo spunto dalle richieste del bando di gara. Nel solco della tradizione architettonica Ticinese il progetto assume un impostazione strutturale rigorosa, quasi ossessiva. L’idea progettuale si articola in tre elementi principali: una piattaforma di calcestruzzo alla base, che misura circa 200m x 40m, dove sono scavati i vuoti rettangolari delle vasche delle piscine e su cui poggiano le piattaforme dei tuffi e il blocco centrale dei servizi. Questo è l’attacco al suolo che modifica la topografia esistente ela appiana e fornisce la superficie d’appoggio della struttura composta di 39 portali in legno lamellare che copre gli ambienti con un unico gesto chiaro e generoso. Il tetto, insieme alle ampie pareti vetrate, racchiude le piscine e le protegge durante i freddi mesi invernali mentre è concepito per aprirsi completamente in estate. La superficie del tetto è in aggetto rispetto al volume definito dai portali in legno garantendo il giusto livello di ombreggiatura alle pareti vetrate e fornendo il supporto e lo spazio necessario per l’apertura del tetto in estate.